Trading opzioni binarie con indici di borsa

Tra le attività sottostanti utilizzate per operare medianti opzioni binarie, sicuramente gli Indici di Borsa sono tra i più utilizzati dai traders.

Deposito Minimo Investimento minimo Commissioni Rendimenti Bonus di benvenuto Bonus porta un amico Assicurazione account Broker
100€
10€
0€
fino all’85% (possono aumentare per l’account vip)
fino a 2.500€
si
fino a 20.000€
Dettagli
250€
24€
0€
fino all’89% (possono aumentare per le opzioni ad alto rendimento)
personalizzato
si
No
Dettagli

Innanzitutto è doveroso specificare che con tale terminologia si identifica quello strumento adoperato per valutare l’andamento dei titoli di un determinato paniere.

Da questa definizione è intuibile come nel mercato finanziario siano presenti un’infinità di questi indici che possono raggruppare titoli energetici, tecnologici o di settore.

Tra i più importanti riportiamo:

  • NASDAQ 100: che si riferisce ai titoli delle maggiori 100 imprese non finanziarie operanti nel mercato borsistico NASDAQ, come Ryanair, Ericsson e Logitech;
  • FTE MIB: che comprende le 40 più importanti società italiane quotate nella borsa nazionale;
  • NIKKEI 225: che contiene i titoli delle 225 maggiori compagnie quotate nella Borsa di Tokyo;
  • Dow Jones A16 Commodity Index: che raggruppa i contratti futures di 19 materie prime scambiate nel mercato USA.

Da un punto di vista prettamente economico possiamo distinguere gli Indici di Borsa nelle seguenti categorie:

  • Equally Weighted

    E’ la tipologia meno utilizzata nel mondo del trading: ogni titolo all’interno del paniere ha lo stesso peso degli altri, indipendentemente dell’aziende a cui fa riferimento.

    In termini pratici questo vuol dire che, ad esempio, se la Ferrari e una P.M.I. fanno riferimento ad uno stesso indice, incideranno in maniera uguale sull’andamento della sua valutazione. Questo rappresenta ovviamente un grande limite, in quanto, è evidente che non tutti i titoli contenuti in uno stesso portafoglio hanno la stessa rilevanza.

  • Price Weighted

    Questa categoria di indice è basato sulla volatilità del prezzo dei titoli: maggiore è la variazione del valore di una quotazione, maggiore è il peso che esso assume all’interno del paniere. Sicuramente è lo strumento più semplice da calcolare: basterà considerare solo gli eventuali mutamenti dei prezzi. Il vero difetto è che, così come in quello precedentemente analizzato, non si considerano le reali dimensioni delle aziende.

  • Value Weighted

    È sicuramente la tipologia più utilizzata nel mercato del trading. I titoli del paniere sono ponderati in relazione al valore di capitalizzazione di borsa dell’azienda a cui fanno riferimento. Ed è proprio grazie a questa specifica che oggi gli indici Value Weighted sono più affidabili e quindi tra i più utilizzati dai brokers.

Leave a comment