Suggerimenti per il money management nel Forex trading

La definizione del money management si può riassumere come l’insieme delle strategie e dei metodi utilizzati da un trader per evitare di perdere i propri fondi.

Il money management nel mercato valutario richiede lo studio di vari settori finanziari. In primo luogo occorre definire il mercato valutario o Forex: esso non è altro che lo scambio tra valute di Paesi diversi.

I valori relativi delle varie valute mondiali cambiano periodicamente, in un processo dove entrano in gioco fattori quali stabilità economica, PNL, PIL, inflazione, tassi di interesse e altri fattori ovvi come la sicurezza interna e i rapporti con l’estero di una nazione.

Se, ad esempio, un Paese ha un governo instabile, rischia una presa di potere militare o sta per entrare in guerra, la sua valuta può scendere rispetto alle valute di altri Paesi.

Il Forex, o mercato valutario, tratta essenzialmente denaro. Vi si acquista, vende e negozia denaro da tutto il mondo. Nel Forex chiunque può comprare e vendere valuta, possibilmente per ricavarne un profitto.

Operando sul mercato valutario è possibile acquistare la valuta di un Paese e venderla ottenendo un margine: un broker può ad esempio comprare yen giapponesi quando il cambio yen/dollaro è in rialzo, per poi rivenderli e ricomprare dollari americani guadagnandoci.

Esistono cinque grandi mercati Forex nel mondo: New York, Londra, Francoforte, Parigi, Tokyo e Zurigo.

Il trading Forex si svolge 24 ore su 24 in vari mercati asiatici, europei e americani. Grazie ai diversi fusi orari, quando chiude il trading in Asia apre quello europeo, e quando si ferma quello europeo comincia quello americano. Alla chiusura del trading in America arriva nuovamente il turno del trading asiatico.

La maggior parte del trading mondiale avviene sui mercati Forex; su mercati più piccoli per quanto riguarda il trading nei singoli Paesi. In parole povere, il trading Forex è la compravendita simultanea di una coppia di valute.

Il volume del trading Forex supera, ogni giorno, il valore di 1,4 mila miliardi di dollari USA, e può capitare che vi si accumulino o vi si perdano ingenti fortune. Il miliardario George Soros deve gran parte della sua ricchezza al trading Forex.

Il segreto del successo: conoscere lo spread e utilizzare la leva !

Per gestire con successo i tuoi fondi nel trading Forex devi conoscere lo spread fra domanda e offerta.

Spread
Lo spread tra domanda e offerta è semplicemente la differenza tra il prezzo al quale qualcosa viene offerto in vendita e il prezzo al quale viene effettivamente acquistato.
Ad esempio
se il prezzo richiesto è di 100 dollari e l’offerta è di 102 dollari, allora la differenza, o spread, è di due dollari.

Molti trader Forex operano a margine.

Operare a margine
significa comprare e vendere asset che valgono più dei fondi che si hanno a disposizione ovvero utilizzare la leva.
Esempio
Con una leva di 1 x 50, ad esempio, un trader può negoziare fino a 250.000 dollari anche se ha solo 5.000 dollari sul suo account. In altre parole, lo scambio ha una leva di 50 a uno, che consente ai trader di realizzare ottimi profitti rapidamente.

Naturalmente, l’opportunità di guadagni elevati comporta anche rischi elevati.

Alcuni broker offrono persino una leva di 1 x 400, però se sei alle prime armi faresti meglio a non utilizzare una leva superiore a 1 x 20.

Come limitare il rischio

Un’altra regola importante è quella di non utilizzare mai più del 10%-15% del tuo capitale su una posizione singola. In questo modo riesci a limitare ancora di più la potenzialità di perdita.

Ricordati di impostare per ogni posizione i limiti di Take Profit (prendi profitto) e Stop Loss (blocca perdita). Questo è un altro strumento che può aiutarti a controllare l’esito di ogni operazione e soprattutto determinare in anticipo la perdita massima.

Come in molti altri investimenti speculativi, una regola d’oro di money management per gli operatori Forex è quella di usare soltanto fondi che possono essere rischiati.

Una pratica saggia è mettere da parte una porzione del tuo patrimonio e utilizzare solo quella per il trading Forex: in questo modo, pur avendo buone occasioni di profitto, nell’eventualità di problemi e di azzeramento del conto l’importo che rischierai sarà limitato.

Nel forex puoi guadagnare sempre !

Ricorda che il mercato è sempre in movimento; ci sono sempre opportunità di trading!

Se una valuta si rafforza o si indebolisce rispetto ad altre valute, esiste sempre una possibilità di profitto.
Ad esempio, se pensi che l’Euro si indebolirà rispetto al dollaro USA, vendere Euro sarà una scommessa corretta. Se ritieni che il dollaro possa indebolirsi rispetto allo yen o alla sterlina, sarà opportuno vendere dollari.

Una mossa intelligente è quella di tenerti sempre aggiornato sulle notizie e gli avvenimenti relativi ai Paesi di cui detieni valuta. Molti arrivano al punto di riuscire a prevedere le oscillazioni valutarie in base alle notizie politiche o economiche su un dato Paese. Comunque, non dimenticare mai che il trading Forex è speculativo: gestisci quindi i tuoi fondi con cautela e investi solo gli importi che ti puoi permettere di rischiare.

Copia i migliori trader del mondo !

Tieni sempre d’occhio il comportamento dei professionisti quando operi su questo mercato, a meno che tu non lo faccia per hobby e senza grandi patrimoni in gioco.

Nel Forex operano molti “pezzi da novanta” che di sicuro non perderanno il sonno se tu e migliaia di altri ci rimetterete la camicia…

Una piattaforma che da la possibilità ai neofiti di seguire le operazioni dei professionisti è l’OpenBook di eToro. Con questa piattaforma puoi identificare i Trader di maggior successo e copiare in modo automatico le loro operazioni.
Cosi facendo riesci a diversificare il tuo portafoglio e ridurre ancora di più un’eventuale perdita.

Leave a comment