Quali sono gli indicatori macroeconomici utili al forex?

L’analisi fondamentale parte dal presupposto che il prezzo di un “bene” tende a muoversi verso il suo valore “reale o intrinseco” per cui si pone come obiettivo quello di prevedere in che direzione si indirizzerà quello specifico prezzo considerato.

Per questa ragione l’analisi fondamentale è molto importante anche nel trading forex, e indipendentemente dal tipo di trading che si vuole attuare: con time-frame molto brevi, con prospettive di lungo periodo, oppure per fare trading sulle notizie.

Una volta compresa la valenza dell’analisi fondamentale e dei suoi obiettivi, non rimane che concentrare l’attenzione sulla tipologia di indicatori macroeconomici (che sono i dati oggetto dell’analisi fondamentale) che ha il ruolo maggiormente significativo per l’andamento di quella coppia di valute scelta per fare trading.

Gli indicatori macroeconomici che hanno un maggiore peso sull’andamento del trend delle valute vengono indicati come Market Mover e tra questi ci sono quelli che hanno carattere generale, ovvero vanno considerati indipendentemente dalla tipologia di trading che si intende fare, e quelli che invece sono tali solo se collegati al tipo di trading specificatamente scelto, soprattutto se si tratta del trading sulle notizie macro.

Principali Indicatori Macroeconomici

Prodotto interno lordo (PIL)

E’ un indicatore sullo stato di salute dell’economia di un determinato Paese, indicandone una fase di benessere ed espansione, o viceversa di crisi e contrazione.

E’ un indicatore che sintetizza il valore “reale” quindi di tutti i beni di quel Paese, e si riflette in modo sostanzioso anche sul valore della valuta.

Ai traders interessano, specialmente nel caso in cui si faccia trading sulle notizie, anche le relazioni anticipate e preliminari, che si basano su stime e non su dati ufficiali, per cui vanno considerate anche le successive revisioni.

Indicatori d’occupazione

Sono a loro volta collegati al Pil, e sintomatici nell’indicare l’andamento del processo di crescita economica (ad esempio se questa si è consolidata o segue ancora delle fasi incerte). La crescita dei salari inoltre serve anche per constatare l’andamento dell’inflazione.

Annuncio dei Tassi d’interesse

Tra i Market Mover che hanno un impatto diretto sull’andamento delle valute ci sono le politiche monetarie e in particolar modo le scelte che interessano i tassi di interesse o di sconto fatte dalla Banche Centrali, in quanto si tratta di scelte che sono in grado di produrre immediata volatilità soprattutto agendo sui tassi di cambio (a seconda delle politiche di apprezzamento o svalutazione, politiche espansive accomodanti o restrittive).

Indice dei prezzi al consumo

Ha una grande valenza specialmente perché è legata all’inflazione, e quindi al potere di acquisto che ha una determinata valuta, e quindi la sua posizione rispetto alle altre valute.

Si tratta di un indice collegato anche ai tassi di interesse, poiché un loro aumento può portare, ad esempio, a un aumento dei tassi di sconto, anticipandone l’annuncio. A questo si collega anche l’annuncio relativo all’andamento della Fiducia dei consumatori.

Bilancia dei pagamenti

Una bilancia di pagamento positiva (con pagamenti in entrata relativi alle esportazioni che superano quelli delle importazioni) stimola la crescita della valuta di quel Paese.

Come vanno interpretati gli indicatori Macroeconomici

I dati macroeconomici quando vengono comunicati sono accompagnati normalmente dai dati precedenti e dalle previsioni. A seconda della posizione che i dati ufficiali assumeranno rispetto a questi due tipi di dati possono essere fatte delle previsioni sull’andamento del trend di un cross di valute.
Quando i dati superano le aspettative o si hanno notizie particolarmente positive, generalmente la valuta interessata ha un trend in crescita.

Tuttavia bisogna considerare che l’analisi fondamentale è utile per cercare di prevedere l’andamento di un trend, ma per sapere quando è il momento di entrare o uscire bisogna integrarla con gli strumenti dell’analisi tecnica.

Leave a comment